Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 23 maggio 2013

Kechiche a bocca aperta



Mariuccia Ciotta
Cannes
Il franco-tunisino Abdellatif Kechiche va in concorso con il film-fiume (2h59') incollato sulla faccia di una adolescente, Adèle (Adèle Exarchopoulos), personaggio di una storia a fumetti saldata a un progetto originale del regista. La vie D'Adele – chapitre 1 et 2, è un film girato in “interni”, ovvero nella carnosa bocca della ragazzina, scrutata anche mentre dorme, e ripresa per tre ore in primissimo piano. Film grondante sensualità, si direbbe, se non fosse che l'ossessione si trasforma in mania nell'inseguire il volto paffuto, i capelli scapigliati, lo sguardo attonito di Adele, che scoprirà di non amare gli uomini ma una sconosciuta dalla capigliatura tinta di blu, Emma (Léa Seydoux), aspirante pittrice. La seduta in tempo reale di amore lesbico è girata come le riprese delle statue di marmo esposte al museo, movimenti leziosi, pose da depliant, scatti di opere d'arte per fondoschiena e carnosi seni palpitanti, luce avvolgente sulla performance atletica.Klimt più di Schiele. La sequenza semi-hard ha inchiodato i festivalieri alle poltrone, sala stracolma, in attesa del bis. Gli spettatori sembravano i membri della Corte Suprema del film di Frears, che con la scusa di giudicare l'ammissibilità o meno di certi film porno, passavano il tempo libero nella sala di proiezione sotterranea. Tre ore vissute felicemente a bocca (di Adele) aperta, il contrario di di quel che è successo durante lo stesso spazio temporale per il film di Lanzmann sui lager nazisti, un lento esodo di massa. Eppure era molto più “pornografico”.
Kechiche dice di non aver pensato affatto alla relazione omosessuale, ma a una storia d'amore come un'altra, infatti si vede. Ogni cosa è banale, bacetti, litigi, sospiri, lacrime, addii. Qualcosa vorrà dirci il regista, sì. Mai disperare se l'eterosessualità è minacciata, Adele fa sesso anche con i ragazzi, perché c'è sempre un uomo che prima o poi spunterà all'orizzonte, e qui ha i caratteri somatici di un bel bruno magrebino. Chissà se voyeur come Kechiche.